News

Giornata per la Vita 2020, “Aprite le Porte alla Vita”

2 Febbraio 2020 Commenti disabilitati su Giornata per la Vita 2020, “Aprite le Porte alla Vita” By Don Roberto

Aprite le Porte alla Vita.

E’ il Messaggio per la Giornata della vita del 2 Febbraio. Nella nostra Parrocchia verra’ offerto alle nostre Famiglie il testo del Messaggio perche’ possa essere letto e meditato.. In questa Circostanza  l’invito alle Famiglie che hanno battezzato i bambini nel 2019.

Per ilsecondo anno viene ripresa una bella tradizione della Basilica quella di offrire i Ceri nella celebrazione della Candelora al Santo Patrono, Quest’anno verranno offerti dal Consiglio Pastorale.

 

2   ore 10.30  GIORNATA PER LA VITA—Messaggio del Consiglio

Permanete della CEI alla Comunita’ parrocchiale.

Invito per le Famiglie che hanno battezzato

i bambini nel 2019.

Offerta dei Ceri a S.Giovanni Battista—Consiglio Pastorale

Benedizione della Candelora Santa Messa

Atto di affidamento a Maria

 

  1. ore 17.30 Conversazione sul Messaggio Vescovi per Giornata Vita

 

5 ore 17.00   Adorazione Eucaristica: “Per la Vita nascente”.

 

Scala Paradisi – Via Pulchritudinis – Via Missio

2 Febbraio 2020 Commenti disabilitati su Scala Paradisi – Via Pulchritudinis – Via Missio By Don Roberto

Febbraio 2020

 

SCALA PARADISI

2   ore 10.30  GIORNATA PER LA VITA—Messaggio del Consiglio

Permanete della CEI alla Comunita’ parrocchiale.

Invito per le Famiglie che hanno battezzato i bambini nel 2019.

Offerta dei Ceri a S.Giovanni Battista—Consiglio Pastorale

Benedizione della Candelora Santa Messa

Atto di affidamento a Maria

 

3    ore 18.00     S.Biagio Benedizione della gola

 

4 ore 17.30       Conversazione sul Messaggio Vescovi per Giornata Vita

 

5 ore 17.00       Adorazione Eucaristica: “Per la Vita nascente”.

 

11                     Giornata Mondiale del Malato

N.S.di Lourdes ore 9.00-12.00 Incontro Malati Ore 17.30 Vespri

Ore 18.00 S.Messa e unzione dei malati

 

VIA PULCHRITUDINIS

13 ore 16.45      Incontro Figure di Santita’

Beato Novarese—Incontro Animato fr.Costante Silenziosi Operai

Santa Messa

 

12-13-14           ore 11.00 Incontro Nubendi in preparazione Matrimonio

Sala San Filippo

 

19-20-21            ore 11.00 Incontro Nubendi in preparazione al Matrimonio

Sala San Filippo

 

22                       Cena di Carnevale iin Parrocchia—Oratorio San Filippo

Collaboratori, Amici, Iniziative pastorali.

 

VIA MISSIO

 

ATTIVITA’ PASTORALI

Catechismo Martedi e Marcoledi Cresima e Comunione della Parrocchia.

Mercoledi cresima ragazzi scuola Media Superiore—fr.Costante

Sabato Comunita’ Siro-Malabaresi Ragazzi sacramenti

Coro: Martedi ore 19.30

Famiglie: Martedi e Mercoledi ore 21.00

MEIC: Scuola e Incontri Martedi e Venerdi ore 21.00

Corso Universitario America Latina: Giovedi ore 16.00.

4 Febbraio Associazione Separati/Divorziati Martedi 4 del Mese ore 19.00

 

 

 

 

 

 

CI TRATTARONO CON GENTILEZZA

CI TRATTARONO CON GENTILEZZA (Atti 28,2)

Dal 18 al 25 gennaio 2020
In Parrocchia
Settimana per l’Unita’ dei Cristiani.

Sabato 18 Gennaio ore 18.45
Apertura della Settimana
I Vespri della Domenica.

Lunedi 20 Gennaio ore 17.00 Lectio
Divina: At. 27,18-21.

Venerdi 24 Gennaio 2020 ore 17.15
Conversazione: “Elogio alla Gentilezza”.

Incontri di realtà ecclesiali

Domenica 19 gennaio 2020 ore 12.00

La Comunita’ di Santo Domingo s’incontrera’ in Parrocchia per la Celebrazione Eucaristica in lingua spagnola in onore della Patrona della loro Nazione Maria SS. Masotto il titolo di Altagracia.

26 Gennaio ore 10.30 TalitaQum.

La Celebrazione sarà presieduta da S.E.Rev.ma
Paolo Ricciardi, Vescovo Ausiliare della Diocesi di Roma per la Pastorale della Salute.

S.Antonio Abate Benedizione Animali

17 gennaio 2020 ore 18.00 S.Antonio Abate Benedizione Animali.

La benedizione sugli animali, affonda le proprie radici nel mondo contadino e come tale risale al medioevo. La testimonianza delle fonti liturgiche attesta fin dai secoli VIII e IX un vasto panorama di benedizioni che, sorte e sviluppatesi in ambiente monastico, si sono rapidamente diffuse presso tutte le classi sociali.

Una classificazione efficace, anche se un po’ grossolana, le distingue in benedizioni sulle persone (vescovi, abati, penitenti o catecumeni, malati), sulle cose destinate al culto (dalle chiese agli altari, dalle suppellettili per la celebrazione eucaristica all’acqua o sale) e su quegli elementi che sono necessari per la vita dell’uomo (semine, primizie, animali, case, attrezzi di lavoro).

Un liturgista ha voluto riunire in un volume le varie benedizioni che fanno parte della tradizione occidentale, raccogliendone complessivamente ben 2093. In questo vasto panorama, un altro liturgista distingueva in modo utile le benedizioni costitutive da quelle invocative. Le prime conferiscono alla persona o all’oggetto un carattere sacro, togliendole dall’uso comune o profano. Pensiamo alla benedizione di un calice per la celebrazione eucaristica o di un edificio destinato al culto come una cappella. Le seconde, invece, non cambiano i rapporti in gioco, ma chiedono un particolare bene spirituale o materiale. A Pasqua si benedicono le uova e l’agnello che sono sulla tavola per essere mangiati secondo la loro natura.

EQUIPE PASTORALE

Cari amici dell’Equipe pastorale,

Desideravo incontrarvi per continuare il cammino dell’ascolto della Città programmato.

Il 16 gennaio 2020 alle ore 17.00 sala della sacrestia
A Febbraio il secondo incontro con i genitori dei ragazzi del catechismo; Con la Scuola Virgilio, con i negozianti di rione Ponte.

Sono convinto che porteremo tutti nuove proposte per incontrare queste realtà.

Intanto il 27, 28, 29, 30 gennaio alle ore 17.30 ci prepareremo nella preghiera a questi Incontri con i nostri fratelli.Luogo Cappella della Mater Misericordiae.

Grazie per la vostra disponibilità e il vostro tempo.
Don Roberto.

messaggio giornata mondiale della pace 2020

Messaggio Giornata Mondiale della Pace del 2020

Nel messaggio per la Giornata Mondiale della Pace del 2020, Francesco indica nella pace “un bene prezioso” e una meta verso la quale tendere nonostante gli ostacoli e le prove.

“La speranza – scrive il Papa – è la virtù che ci mette in cammino, ci dà le ali per andare avanti, perfino quando gli ostacoli sembrano insormontabili”.

“La nostra comunità umana – aggiunge – porta, nella memoria e nella carne, i segni delle guerre e dei conflitti che si sono succeduti, con crescente capacità distruttiva, e che non cessano di colpire specialmente i più poveri e i più deboli”.

Il recente Sinodo sull’Amazzonia, ricorda il Pontefice, ci spinge “a rivolgere, in modo rinnovato, l’appello per una relazione pacifica tra le comunità e la terra, tra il presente e la memoria, tra le esperienze e le speranze”.

Il Papa esorta anche ad essere artigiani di pace: “Il mondo – spiega il Santo Padre – non ha bisogno di parole vuote ma di testimoni convinti, di artigiani di pace aperti al dialogo senza esclusioni né manipolazioni”.

“Il cammino della riconciliazione – sottolinea infine il Papa – richiede pazienza e fiducia. Non si ottiene la pace se non la si spera”.

“Aprire e tracciare un cammino di pace è una sfida, tanto più complessa in quanto gli interessi in gioco, nei rapporti tra persone, comunità e nazioni, sono molteplici e contraddittori.

Occorre, innanzitutto, fare appello alla coscienza morale e alla volontà personale e politica. La pace, in effetti, si attinge nel profondo del cuore umano e la volontà politica va sempre rinvigorita, per aprire nuovi processi che riconcilino e uniscano persone e comunità. (Papa Francesco, messaggio per la Giornata Mondiale della Pace del 2020)”

Nella nostra Parrocchia daremo spazio alla lettura, al commento del Messaggio del Santo Padre Francesco attraverso alcune iniziative:

1. Il giorno 12 consegna del messaggio alla Comunita’ parrocchiale.
2. Semi di Pace. Il 13, 14, 15 orem 17.30 Mater Misericordiae
Incontri aperti alla Comunita’ su temi contenuti nel Messaggio.
3. S.Rosario per la Pace: Sabato 31 Gennaio ore 17.30

natale 2019

Natale 2019

La Chiesa celebra con la solennità del Natale la manifestazione del Verbo di Dio agli uomini. E’ questo infatti il senso spirituale più ricorrente, suggerito dalla stessa liturgia, che nelle tre Messe celebrate oggi da ogni sacerdote offre alla nostra meditazione “la nascita eterna del Verbo nel seno degli splendori del Padre (prima Messa); l’apparizione temporale nell’umiltà della carne (seconda Messa); il ritorno finale all’ultimo giudizio (terza Messa)” (Liber Sacramentorum).

Un antico documento, il Cronografo dell’anno 354, attesta l’esistenza a Roma di questa festa al 25 dicembre, che corrisponde alla celebrazione pagana del solstizio d’inverno, “Natalis Solis Invicti”, cioè la nascita del nuovo sole che, dopo la notte più lunga dell’anno, riprendeva nuovo vigore.

Celebrando in questo giorno la nascita di colui che è il Sole vero, la luce del mondo, che sorge dalla notte del paganesimo, si è voluto dare un significato del tutto nuovo a una tradizione pagana molto sentita dal popolo, poiché coincideva con le ferie di Saturno, durante le quali gli schiavi ricevevano doni dai loro padroni ed erano invitati a sedere alla stessa mensa, come liberi cittadini. Le strenne natalizie richiamano però più direttamente i doni dei pastori e dei re magi a Gesù Bambino.

In Oriente la nascita di Cristo veniva festeggiata il 6 gennaio, col nome di Epifania, che vuol dire “manifestazione”; poi anche la Chiesa orientale accolse la data del 25 dicembre, come si riscontra in Antiochia verso il 376 al tempo del Crisostomo e nel 380 a Costantinopoli, mentre in Occidente veniva introdotta la festa dell’Epifania, ultima festa del ciclo natalizio, per commemorare la rivelazione della divinità di Cristo al mondo pagano. I testi della liturgia natalizia, formulati in un’epoca di reazione alla eresia trinitaria di Arlo, sottolineano con accenti di calda poesia e con rigore teologico la divinità del Bambino nato nella grotta di Betlem, la sua regalità e onnipotenza per invitarci all’adorazione dell’insondabile mistero del Dio rivestito di carne umana, figlio della purissima Vergine Maria (“fiorito è Cristo ne la carne pura”, dice Dante).
L’Incarnazione di Cristo segna la partecipazione diretta degli uomini alla vita divina.

Le Celebrazioni in Parrocchia inizieranno il 24 dicembre con la Santa Messa della Notte alle ore 23.55.

  • Il Giorno di Natale la Santa Messa alle ore 10.30, 12.00, 19.00.
  • Durante l’Ottava di Natale la Santa Messa alle ore 7.20 e alle ore 18.00.
  • Sabato 28 la Santa Messa alle ore 19.00
  • Domenica 29:Festa della Santa Famiglia  la Santa Messa alle ore 10.30, 12.00, 18.00,19.00.
  • Il 31 alle ore 18.00 la Santa Messa della Madre di Dio con il Canto finale di ringraziamento del Te Deum.
  • Il 1 Gennaio 2020 la Santa Messa alle ore 10.30 con il Canto del Veni Creator
  • Nei giorni 2 e 3 Gennaio la Santa Messa alle ore 7.20 e 18.00
  • Il 4 Gennaio la Santa Messa alle ore 19.00
  • Il 5 Gennaio la Santa Messa alle ore 10.30.  18(inglese) 19.00

CONCERTO DELL’EPIFANIA

In questa Santa Messa verra’ eseguito il Concerto dell’Epifania.

Il 6 Gennaio Solennita’ dell’Epifania del Signore.

La Santa Messa alle ore 10.30, 12.00, 19.00.

BUON NATALE 2019

Novena del Santo Natale

NOVENA DEL SANTO NATALE

Dal 16 al 23 il Canto della Novena di Natale in Chiesa, Altare Mater Misericordiae ore 17.30.

Le profezie della nascita di Gesù furono tratte da brani dell’Antico Testamento e particolarmente dal profeta Isaia.
In esse è espresso non solo il profondo desiderio messianico dell’Antico Testamento con il desiderio che Dio si faccia presente sulla terra, ma in maniera espressiva viene cantata la supplica per la venuta di Gesù, l’eterno Presente nella storia degli uomini.

Varie sono le metafore che alimentano la gioia dell’attesa nella Novena: Gesù verrà come luce, come pace, come rugiada, come dolcezza, come novità, come Re potente, come dominatore universale, come bambino, come Signore giusto.

La Novena vuole suscitare un atteggiamento nel credente: fermarsi ad adorarLo.
La novena di Natale, pur non essendo “preghiera ufficiale” della Chiesa, costituisce un momento molto significativo nella vita delle nostre comunità cristiane. Proprio perché non è una preghiera ufficiale essa può essere realizzata secondo diverse usanze, ma un indiscusso “primato” spetta alla novena tradizionale, nella notissima melodia gregoriana nata sul testo latino ma diffusa anche nella versione italiana curata dai monaci benedettini di Subiaco.

Frida_Kahlo_by_Guillermo_Kahlo_(cropped)

Monologo “Frida Kahlo: colori e dolori”

MONOLOGO

Chang Pèrez, Attrice peruviana a Roma terra’ il monologo su:

“Frida Kahlo:colori e dolori”.

Sala San Filippo Neri Giovedi 19 Dicembre ore 16.

Frida Kahlo, all’anagrafe Magdalena Carmen Frida Kahlo y Calderón (Coyoacán, 6 luglio 1907 – Coyoacán, 13 luglio 1954), è stata una pittrice messicana.

error: Content is protected !!